La colpa e l’uva


19 Apr , 2020|
|Voci

Una volta mi preoccupavo per i sensi di colpa. Mi creavano un grosso disagio. Quando ne provavo uno, ci stavo parecchio male.

Poi ho scoperto il segreto: non si deve avere un senso di colpa per una cosa alla volta. Bisogna averne per ogni cosa. I sensi di colpa devono essere provati tutti, per tutto, e tutti insieme.

Da quando ho sensi di colpa per tutto, mi sento alquanto sollevato. Il senso di colpa è in qualche modo l’impalcatura dell’epoca attuale. È il collante sociale che tiene in piedi tutta la nostra asociale baracca. Farti sentire inadeguato è il segreto di Pulcinella di cui la stessa aria che respiriamo viene oggi impregnata.

Sei troppo magro? Sei troppo grasso? Sei troppo medio? Sentiti in colpa!

Hai l’intestino pigro? sentiti in colpa!

Hai l’intestino sprint? sentiti in colpa!

Hai l’intestino? Sentiti in colpa!

È crollato il PIL: sentiti in colpa!

La Federal Reserve abbassa i tassi: sentiamoci in colpa!

La Federal Reserve alza i tassi: altra colpa bella calda, appena sfornata!

LA BUNDESBANK HA DETTO!!! LA BUNDESBANK HA FATTO!!!  L’EUROPA!!!…L’EUROPA!!!…e giù altri litri e litri di colpa…

Ma se uno si premunisce, attrezzandosi di suo, sentendosi in colpa già per ogni cosa, non può essere colto di sorpresa.

Le esportazioni sono in calo? È colpa mia!

Il cagnetto dei vicini ha fatto la cacca sul balcone? Ancora colpa mia!

La macchina del capo ha un buco nella gomma? Colpa mia, colpa mia…

Gli strateghi della colpa devono essere anticipati e spiazzati. La colpa universale va assunta su di sé, all’origine. Il gran COLPONE UNIVERSALE! Tutto bello intero in un boccone solo.

Il senso di colpa è un po’ come il pane. Buono, sì, anche quello del fornaio. Ma vuoi mettere col pane fatto in casa? Allora non fatevi più fregare, amici: riempitevi in anticipo le dispense di fragranti e dorate pagnotte di colpa cotta nel forno personale della vostra coscienza.

E quando i gran panificatori mondiali della colpa, i rappresentanti dell’inadeguatezza spacciata al dettaglio, busseranno alla vostra porta chiedendo: “…servono per caso sensi di colpa, crucci integrali, rimorsi con semini di sesamo o rodimenti di culo farciti alla crema?…”, voi con soddisfatta fierezza, potrete rispondere: “…no, grazie, siamo già serviti: produzione propria, sa com’è…”.

Senza dimenticare poi che i sensi di colpa “fai da te” offrono anche lo spunto per invertire la tendenza a cui mirano quelli prodotti in serie. Creano cioè belle opportunità di socializzazione. Si possono infatti organizzare simpatici giochi di società o di abilità: la colpa al tesoro, colpa cieca, colpa bollata, colpa comanda color, i quattro colponi, colpevolino, colpa prigioniera, colpa sollevata e ruba-colpetta.

Insomma, il nuovo motto dell’uomo moderno non può essere che uno solo: una colpa per tutti e tutte le colpe per uno!

Di: