Accumulazione di capitale, ineguaglianze e distribuzione in Cina


12 Ago , 2020|
|Visioni

La prima regola del capitalismo secondo Thomas Piketty è l’equazione che collega il rapporto capitale / reddito (β) moltiplicato per il tasso di rendimento del capitale (π) come risultato della quota rispetto al reddito (α). Secondo la formula a α = β × π, la quota di profitto è collegata al rendimento del tasso di capitale. Il rapporto capitale / reddito β è il risultato del rapporto tra la propensione al risparmio (s) e il tasso di crescita economica (g). β = s / g imputa le cause della crescente disuguaglianza all’aumento della propensione al risparmio rispetto alla crescita economica nel corso di questo mezzo secolo, in poche parole possiamo definire il capitale come il patrimonio detenuto e di conseguenza uno stock di capitale (o capitale fisso) che può aumentare di anno in anno mentre per il reddito può valere lo stesso ragionamento a patto che si consideri come un flusso di capitale e non uno stock. Inoltre, l’economista francese considera il rapporto capitale / reddito uno strumento importante per l’analisi dei flussi di capitali, pertanto cerca di dimostrare gli abusi dei mercati finanziari e sostiene che l’accumulazione di capitale è possibile quando tale accumulazione non aumenta più del tasso di crescita e il meccanismo di concorrenza funziona al fine di equalizzare le sfere di accumulazione e distribuzione.

L’autore rimuove la distribuzione del reddito e della ricchezza dalla distribuzione della proprietà (il che fa pensare già da subito che i calcoli della sua analisi saranno fuorvianti). Secondo Piketty la diffusione della conoscenza e il progresso tecnico hanno permesso di evitare l’apocalisse descritta da Marx alla fine del XIX secolo. Secondo lui, il problema della disuguaglianza dipende da un processo di distribuzione del capitale che dipende dal tasso di risparmio e dal sistema finanziario. Tuttavia, egli separa il sistema finanziario dal sistema economico reale, quindi la sua ipotesi potrebbe non essere valida per la comprensione del divario di disuguaglianza  come cercherò di spiegare successivamente.

Infatti, secondo la teoria marxiana il processo di accumulazione del capitale si ottiene attraverso cicli di produzione anno dopo anno a seconda del settore specifico in cui il valore totale della produzione viene ridistribuito al fine di garantire la quota di ciascun fattore di produzione, inclusi i profitti. Il processo di accumulazione sul mercato finanziario è possibile quando corrisponde a un investimento reale in immobili o produzione. Invece, l’analisi di Piketty considera l’azione speculativa del mercato finanziario come la principale causa di disuguaglianza. Il problema, secondo lui, è semplicemente la distribuzione del reddito, in cui i redditi sono il risultato di ricchezza e salari. Insomma, egli non ha analizzato l’essenza dello sfruttamento dietro il modo di produzione dei capitalisti. L’elevato livello del coefficiente di Gini suggerisce, secondo Piketty, un elevato livello di accumulazione finanziaria rispetto al tasso di crescita. Nel modo di produzione del capitalista, l’aumento delle disuguaglianze dipende dall’estrema povertà del salario del lavoratore rispetto al proprietario del capitale. Il sistema crea la condizione di subordinazione tra capitale e capacità lavorativa. Per dirla con le parole di un grande economista marxista come Giulio Palermo “Il meccanismo della concorrenza diventa un modo per sfruttare i lavoratori al fine di ottenere maggiori profitti e quindi accumulare capitali.” (Palermo, 2017 Competition: a Marxist view. Cambridge Journal of Economics, pagina 13)

Quando il tasso di profitto scende, i motivi si possono trovare nell’analisi marxista. La composizione organica del capitale è il rapporto tra il valore del materiale e i costi fissi (capitale costante) incarnati nella produzione di una merce rispetto al valore della forza lavoro (capitale variabile) utilizzato nella sua realizzazione. In questo modo, Marx mostrò che nel modo di produzione capitalistico il progresso tecnologico tende a diminuire il saggio di profitto. Per mantenere il loro tasso di profitto, il capitalista ha solo due modi: aumentare l’orario di lavoro allo stesso salario o diminuirlo per lo stesso numero di ore di lavoro.

La creazione del divario di disuguaglianza non può dipendere dalla disuguaglianza dei mercati finanziari, ma piuttosto è relativa all’accumulazione di capitale attraverso lo sfruttamento del lavoratore in cui la proprietà privata dei mezzi di produzione corrisponde all’effettivo potere di contrattazione dei capitalisti. L’analisi di Piketty sulle disuguaglianze è generalmente accettata dal punto di vista mainstream negli ultimi anni, ma la composizione dell’accumulazione del capitale cinese potrebbe essere una chiave per rivelare la vera origine del capitale e il rapporto con la concorrenza del mercato nell’economia capitalistica.

Per fare riferimento all’analisi marxista, è corretto dividere in due sezioni la sfera dell’economia in cui la sezione 1 riguarda solo le attività economiche che espandono la loro capacità produttiva mentre nella sezione 2 vi è la produzione di salari e input intermedi e la reintegrazione dell’attrezzatura deteriorata al fine di conservare il prodotto a livello predeterminato.

Questa divisione fu creata da Grigory Alexandrovich Feldman che ha cercato di analizzare la relazione tra investimento, tasso di crescita del capitale totale.

L’economista Sovietico scoprì come determinare il volume potenziale e il tasso di crescita dei consumi in relazione alla struttura economica nazionale. Egli ha dimostrò che in condizioni di crescita, la sezione 2 diventa attiva e fornisce le attrezzature per reintegrare l’ammortamento del capitale al fine di aumentare il suo stock in entrambe le sezioni. In questa condizione, il capitale totale (K) e il suo coefficiente di efficienza del capitale (S) della sezione 1 consentono di fissare il tasso di investimento. In questo modo anche il capitale totale e il suo coefficiente di efficienza nella sezione 1 determinano la produzione di beni di consumo nella sezione 2.

Secondo Feldman nella sezione 2 sono inclusi i settori di produzione che partecipano alla formazione del valore dei beni di consumo. In questo modo, la sezione 2 può esistere anche senza la sezione 1 ma solo ai fini della semplice riproduzione.

Feldman ha mostrò che il tasso di crescita del capitale totale nella sezione 1 avrebbe necessariamente eguagliato il tasso di crescita dello stock di capitale della sezione 2.

Nel modello la forza lavoro cresce nel periodo di sostituzione delle attrezzature ma solo successivamente è possibile aumentare la produttività del lavoro. In particolare, Feldman prestò attenzione all’aumento dell’efficienza sia nei confronti del vecchio capitale che dei nuovi investimenti. Infatti, la sostituzione delle attrezzature industriali comporta un aumento dell’efficienza nell’attività economica e nella forza lavoro, e quindi, successivamente, vi è una riduzione di queste due componenti. Ciò significa che le sconvolgenti fluttuazioni sono inevitabili nel sistema capitalistico. Al contrario, in un’economia di pianificazione, il capitale può essere rinnovato alternativamente per ogni settore dell’economia. Quindi, il socialismo, secondo l’economista Russo creerà le condizioni per una maggiore stabilità della percentuale di capitale, sia fissa che circolante, che sostituirà il capitale obsoleto con un uso regolare della forza lavoro. In poche parole, un costante ammortamento per obsolescenza può verificarsi solo nel caso di un corrispondente aumento costante della produttività del lavoro e del coefficiente di efficienza del capitale.

Nella condizione di crescita dell’economia, la variabile cruciale del modello è la divisione degli investimenti all’interno delle due sezioni dell’economia. Questo modello potrebbe corrispondere alla composizione dell’economia nazionale cinese.

Il tasso di crescita della seconda sezione potrebbe essere espresso in funzione del rapporto tra il capitale totale delle due sezioni che Feldman chiamò “indice strutturale” dell’economia. Oltre un certo valore di questo indice, il tasso di crescita della produzione nella sezione due potrebbe essere difficile da aumentare. È utile ricordare che il capitale totale delle due sezioni è suddiviso rispettivamente in capitale fisso e capitale circolante. Pertanto, un aumento del coefficiente patrimoniale richiede un aumento del capitale variabile inteso come ore di lavoro. In questo modo Feldman ha dimostrato che se il coefficiente di crescita dell’efficienza del capitale cresce più rapidamente nella sezione due rispetto alla sezione uno, con un rapporto decrescente tra lo stock di capitale delle due sezioni (K1 / K2), il tasso di crescita della produzione della sezione due sarà depresso. Inoltre, egli ha mostrato quale tasso di investimento è necessario per ottenere un diverso tasso di crescita del prodotto nella sezione uno. Questo potrebbe essere un parametro oggettivo dell’allocazione del capitale al fine di avere una relazione tra la distribuzione degli investimenti, la crescita delle azioni del capitale e della produzione. Difatti, Feldman aveva dimostrato che la pianificazione economica è possibile con una buona matematica logica già a fine degli anni ‘20. Per questo motivo, con l’aiuto del suo modello, è possibile fissare una pianificazione ottimale tra più varianti e settori dell’economia. Più lungo è il tempo della pianificazione economica, minori saranno le restrizioni dovute alla situazione economica iniziale. Anche se Feldman ipotizzava la disponibilità illimitata di forza lavoro, il quadro teorico è lontano dal modello ipotizzato dai sostenitori della teoria neoclassica, principalmente perché il modello di Feldman potrebbe essere adottato solo per un’economia pianificata. Mentre nell’accumulazione di capitale dell’economia socialista nella sezione 1 può essere ridistribuito attraverso la pianificazione al contrario nell’economia capitalista una crescita sbilanciata provoca una crisi di accumulazione che deriva dalla diminuzione del tasso di profitto nella seconda sezione.

La previsione su una futura crisi cinese degli economisti tradizionali come Krugman deriva dal presupposto di base dell’economia neoclassica. In effetti, in molti articoli il premio Nobel cerca di discutere della prospettiva di una crisi imminente in Cina che potrebbe essere, secondo lui, un problema per l’intera economia mondiale. Quando Krugman parla di investimenti e delle partite correnti in Cina, scrive “Il problema fondamentale con l’economia cinese è che è altamente squilibrato: ha livelli di investimento estremamente elevati, apparentemente senza un consumo interno sufficiente a giustificare tale investimento”(Krugman 2019, Will China’s Economy Hit a Great Wall? The New York Times).

Secondo Krugman il problema riguarda la remunerazione degli investimenti che non sono seguiti da consumi elevati. In questo modo cerca di denunciare gli effetti della politica cinese al fine di sottolineare le conseguenze negative delle azioni del governo centrale. Ma nella sua analisi, ci sono due errori principali: il primo è considerare la struttura dell’economia cinese simile alle economie occidentali in termini di accumulazione e gestione patrimoniale, mentre il secondo è di dare una grande importanza all’esportazione di prodotti e alla remunerazione di investimento.

Pertanto, il primo errore commesso da Krugman è non mettere in evidenza i vantaggi specifici derivanti dall’economia pianificata dell’economia cinese mentre per il secondo è considerare la Cina come la fabbrica del mondo di prodotti a basso costo, quando lo sviluppo di tecnologie e di nuove fabbriche ha elevato il livello di qualità dei prodotti cinesi che noi occidentali compriamo a buon mercato.

Diversamente dagli argomenti di Krugman, l’attuale politica cinese mira ad aumentare la domanda interna e il consumo interno. Per questo motivo, il governo cinese ha aumentato i salari reali attraverso una bassa tassazione o aumentando i salari a parità di orario di lavoro. Ciò avrà effetti anche sul risparmio precauzionale e quindi sull’allocazione distributiva del credito con la speranza che un sistema più efficiente si traduca in una riduzione delle disuguaglianze al fine di ridurre lo sfruttamento dei lavoratori e fornire loro migliori salari e un migliore benessere.

Bibliografia

China, S. C. (2013). THE 13TH FIVE-YEAR PLAN (2016-2020). FOR ECONOMIC AND SOCIAL DEVELOPMENT OF THE PEOPLE’S REPUBLIC OF CHINA (p. 219). Beijing: Central Compilation & Translation Press.

Feldman, G. A. (1964) [1928]. “On the Theory of Growth Rates of National Income

Krugman, P. (2019, Jenuary 19). Will China’s Economy Hit a Great Wall? The New York Times.

Marx, K. (1867). Commodities and Money. In Das Kapital

Marx, K. (1867). Division of Labour in Manufacture, and Division of Labour in Society. In K. Marx, Das Kapital.

Marx, K. (1867). The Accumulation of Capital . In Das Kapital

Marx, K. (1867). The Buying and Selling of Labour-Power. In Das Kapital

Marx, K. (1867). The General Law of Capitalist . In Das Kapital.

Palermo, G. (2017). Competition: a Marxist view. Cambridge Journal of Economics, 13.

Piketty, T. (2013). The first law of the capitalism . In The Capital in the XXI centuryPiketty, T. (2013). The Labour-Capital Division in the XXI century. In The Capital in the XXI century

Di: