Podemos in Europa: cambiare il Leviatano per Behemoth


11 Ago , 2021|
| 2021 | Visioni

La redazione della Fionda ha guardato con molto interesse e favore alla ascesa di Podemos come forza antisistemica con grandi potenzialità. Negli ultimi anni tuttavia, alcune sue dinamiche lasciano perplessi. L’intervista dell’eurodeputata María Eugenia Rodríguez Palop di alcuni mesi fa si colloca fra esse: sembra uscita dalla più classica sinistra radicale che ha inscritto nel suo DNA una avversione ideologica per lo Stato, magnificando la dimensione internazionale – con gli splendidi risultati che tutti sappiamo; è solo uno dei tanti casi in cui un’esperienza politica innovativa si è avvitata nel radicalismo altroeuropeista con i suoi soliti assi tematici. In relazione a ciò la Fionda traduce la reazione critica di un giornalista catalano che ricapitola alcuni argomenti chiave.

A causa di una serie di questioni, che non è il caso di spiegare, non ho potuto scrivere in precedenza dell’intervista che l’eurodeputata María Eugenia Rodríguez Palop (Podemos) ha rilasciato circa un mese [a fine 2020, n.d.r.] fa su eldiario.es. Ho voluto farlo anche se ormai era troppo tardi, perché l’intervista, una volta superato il ripetitivo e vuoto linguaggio superficialmente sinistrorso e pseudo-accademico (“noi femministe abbiamo parlato a lungo della necessità di riarticolarci per gestire adeguatamente i beni comuni ”,“ è necessario generare quella comunità politica internazionale che sarà generata dalla forza dei fatti ”), mostra che la sua conoscenza dei soggetti europei, anche a Bruxelles, è vaga, e tale vaghezza la trasforma – per usare un’espressione tagliente di Georg Lukács – in agente involontari o inconsci di progetti che non hanno nulla a che fare con una trasformazione di sinistra – e lei stessa si definisce “di sinistra”, anche dopo aver detto che l’asse sinistra-destra è superato, e ancor meno socialista, nonostante faccia parte del gruppo della Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica (GUE/NGL).

Mi riferisco, ovviamente, a una comprensione di ciò che i trattati dell’UE descrivono come un “sistema di governance multilivello”. “Mi diverte quando le persone sono critiche nei confronti dell’Unione europea e pensano che la soluzione sia negli Stati, quando in realtà essi sono le grandi dighe per contenere qualsiasi progresso nell’Unione europea”, afferma Rodriguez Palop. Dobbiamo affrettarci a dire che questa idea non è esattamente nuova. In Der europäische Traum und die Wirklichkeit (2013), Andreas Wehr aveva già criticato la difesa dell'”integrazione sociale europea” e uno dei suoi rappresentanti più noti, il filosofo tedesco Jürgen Habermas, nei seguenti termini:

Accusando regolarmente le élite politiche di miopia e di sprecare le opportunità, le loro posizioni sembrano critiche. Nelle sue principali dichiarazioni, Habermas argomenta da un punto di vista socialmente critico e chiede più democrazia. La sua ideologia contribuisce a collegare soprattutto socialdemocratici e sindacalisti al progetto neoliberista dell’Unione europea. Habermas fornisce loro generosamente il materiale per un sogno europeo di un’Europa democratica e sociale. Politici e sindacalisti di sinistra che, al contrario, sostengono di continuare la loro lotta contro il capitalismo e di superarlo a livello statale-nazionale per alterare i rapporti di forza a livello internazionale, sono presentati da questi ideologi come lontani dalla realtà, retrò e  senza speranze di successo. Presentando lo stato-nazione come un campo di lotta di classe obsoleto – che in realtà i piani europeo e globale non possono sostituire nemmeno lontanamente – questi ideologi ostacolano lo sviluppo della resistenza contro la distruzione dello stato sociale e lo smantellamento della democrazia”.

Più di recente, l’economista greco Costas Lapavitsas ha lamentato in The Left Against the European Union come “gran parte della sinistra europea ha sviluppato le proprie illusioni sull’UE con percezioni edulcorate convenzionalmente su democrazia, uguaglianza e, last but not least, il socioliberismo, compresa l’uguaglianza razziale, l’uguaglianza sessuale e così via.” Per Lapavitsas, “diversi partiti di sinistra percepiscono l’UE, e persino l’UEM [Unione monetaria europea] come sviluppi storici intrinsecamente progressivi che sono serviti a superare lo stato-nazione e devono essere difesi“. Ed è qui, prosegue, che «il problema risiede nell’attuale sinistra europea»: «Il suo attaccamento all’UE come sviluppo intrinsecamente progressista le impedisce di essere radicale e, peggio ancora, la integra nelle strutture neoliberiste del capitalismo europeo“. Di conseguenza, “la sinistra è diventata sempre più disconnessa dalla sua base storica, i lavoratori e i poveri d’Europa, che, naturalmente, hanno cercato una voce per rappresentarli politicamente altrove“, un risultato che Lapavitsas definisce “catastrofico”.

In questo stesso senso, Antoni Domènech ha evidenziato nel primo numero di Sin Permiso come i socialisti siano obbligati a difendere questo Stato, “con tutti i suoi limiti e le sue miserie, di fronte all’assalto neofeudale degli imperi privati, almeno perché tali stati sono diventati, per le popolazioni, le uniche istanze visibili delle rivendicazioni e dei bisogni verticali popolari”. Inutile dire, allo stesso tempo, che i socialisti sono obbligati «a lottare per la civilizzazione di questo stato, per il suo controllo fiduciario, per la sua democratizzazione radicale, per la sua orizzontalizzazione e l’instaurazione di una società civile di persone libere, uguali e fraterne”.

Gli esperti, appagati dal proprio ego, sono soliti pensare che i poveri non apprezzino né comprendano la sovranità”, scrive Lapavitsas, “ed è vero che le sfumature più sottili del diritto internazionale, o i diritti degli Stati sullo spazio terrestre, marittimo e aereo , o le clausole ancora più oscure dei trattati internazionali sono questioni riservate agli esperti.” Ma la sovranità popolare, prosegue, “viene compresa immediatamente e direttamente dagli strati popolari perché equivale ad avere qualcosa da dire sulle condizioni di vita del quartiere, della comunità locale, del villaggio e della città. E nella misura in cui la sovranità popolare si estende alle dinamiche dei meccanismi determinanti le politiche economiche e sociali nazionali decisive, è chiaramente mescolata con la sovranità nazionale“, aggiunge Lapavitsas, commentando che “le classi inferiori non si lasciano ingannare quando le forze esterne sono quelle che modellano le politiche nazionali su tasse, sussidi, credito e denaro.” Come hanno sottolineato diversi autori, non solo quelli qui citati, né la Commissione Europea, né il Consiglio Europeo né altri organi comunitari sono propriamente eletti, ma nominati dai governi degli Stati membri, in un processo che costituisce un progressivo dissoluzione delle responsabilità che in pratica rende il loro controllo democratico impossibile.

Il “progresso” che l’Unione Europea ha facilitato è stato piuttosto quello della deregolamentazione o, meglio, della regolamentazione a favore del capitale e a danno del lavoro, decisa in ambiti di potere in cui, a differenza degli Stati, la popolazione non ha quasi capacità di incidere, come è stato dimostrato più e più volte. Ricordiamo tra l’altro che l’articolo 107, paragrafo 1, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) afferma chiaramente che “salvo che i Trattati dispongano diversamente, sono incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidono sugli scambi tra Stati membri, aiuti concessi dagli Stati o mediante fondi statali, sotto qualsiasi forma, che falsino o minaccino di falsare la concorrenza favorendo talune imprese o talune produzioni». All’inizio del 2020, per citare un altro esempio, i media hanno dato eco al cosiddetto Quarto Pacchetto Ferroviario, che obbliga gli Stati membri dell’UE a liberalizzare il settore, come già fatto in precedenza con il trasporto delle merci su rotaia.

“Dighe di contenimento”, ma di cosa?

Tuttavia, Rodríguez Palop insiste su questa idea durante l’intervista, prendendo come esempio la crisi ecologica. Secondo l’eurodeputata di Podemos, “se pensiamo veramente alla vera crisi eco-sociale che stiamo vivendo, possiamo ragionare solo in termini di regioni” e “nessuno oggi immagina veramente uno Stato che combatte il cambiamento climatico o risolve la stessa crisi dei rifugiati da solo”. È un esempio quantomeno curioso se si considera che se c’è una cosa che l’Unione Europea ha dimostrato negli ultimi anni è la sua famigerata incapacità di risolvere la crisi dei rifugiati, alla quale ha contribuito essa stessa soprattutto sostenendo le operazioni di cambio di regime in Libia o in Siria senza prevederne le conseguenze. Inoltre, la Convenzione di Dublino, che disciplina le procedure di richiesta di asilo nell’UE, stabilisce che il primo paese europeo a ricevere il richiedente è responsabile della domanda, ed è quindi servita ad aumentare la pressione sulle risorse degli Stati rivieraschi del Mediterraneo, (tenendola lontano dagli Stati dell’Europa centrale e scandinavi) il che a sua volta ha fornito munizioni elettorali ai partiti di estrema destra in crescita in tutta l’UE.

In ogni caso, la domanda fondamentale, ovviamente, è la stessa: perché dovrebbe essere proprio l’Unione Europea, con la sua ben nota e criticata cessione di sovranità, questa organizzazione sovranazionale incaricata di risolvere queste crisi? Del resto, ci sono molte altre organizzazioni intergovernative nel mondo che hanno dimostrato la loro efficacia nel coordinare le crisi nel rispetto della sovranità statale dei loro membri, e non solo su scala regionale: l’ONU e le sue quindici agenzie specializzate, per citare alcune delle più  conosciute, ne sono un esempio.

Allo stesso modo Rodríguez Palop più avanti insiste sul fatto che “la grande diga di contenimento di tutto ciò si chiama Stato, confine di stato. E lo si rappresenta molto facilmente quando si pensa a un fiume: la gestione di un fiume deve essere articolata dalle persone che vivono nel bacino fluviale, che possono essere di Stati diversi, popoli diversi, comunità autonome, razze differenti. Ma se tutti vogliono l’accesso all’acqua, la loro unica possibilità è quella creare un organismo che permetta loro di organizzarsi. Chi impedisce a queste persone di organizzarsi? Gli Stati o i loro fratellini, le comunità autonome o le regioni negli stati federali, vale a dire le conformazioni politiche che si sono escogitate quando c’erano risorse per tutti».

Ma perché stati, comunità autonome, regioni o altre “formazioni politiche escogitate quando c’erano risorse per tutti” impediscono tale coordinamento? Nulla ci racconta in merito Rodriguez Palop perché, in realtà, nulla può contribuire se non con pregiudizi. È interessante notare che l’eurodeputata di Podemos non cita da nessuna parte il precedente della crisi del debito nell’UE, che non è stata risolta, come il lettore sa, in senso progressivo e nemmeno a beneficio dell’UE stessa come un blocco unico, e che spingerebbe a parlare della scomoda questione per la “nuova politica” dei rapporti di classe, che Lapavitsas definisce nel suo libro “l’aspetto determinante dello sviluppo politico europeo” e che, ricorda, si “espresse soprattutto su scala nazionale.” Infatti, in quella crisi, “i controlli democratici sulla politica economica stavano svanendo al punto da ignorare esplicitamente la volontà delle persone in vari paesi, in particolare la Grecia“. In un passaggio dell’intervista, Rodríguez è stata persino costretta ad ammettere checiò che hanno fatto i paesi del nord con quelli del sud, che è stata una deindustrializzazione per diventare una fonte di soli servizi e collocare la loro industria nei nostri territori, è ciò che L’Europa ha fatto con le altre regioni del mondo”, vale a dire che la struttura dell’Unione europea ha permesso e consente le disuguaglianze e, di fatto, ne facilita di nuove. Forse gli Stati erano argini di contenimento, ma nella direzione opposta a quanto fa notare Rodriguez Palop.

Pochi giorni fa, Floren Aoiz ha difeso in questa stessa rivista la possibilità di una sovranità di sinistra per mano di Frédéric Lordon e la sua critica a una presunta sinistra post-nazionale che ha “abbandonato concetti come nazione e sovranità nelle mani della destra autoritaria, che li usa come bandiere per collegarsi al  malessere generato dal neoliberismo, finendo per alimentare il neoliberismo stesso. La nazione e lo Stato “rimangono elementi chiave del mondo in cui viviamo“, ha ricordato Aoiz, che ha citato il caso dei “europeisti post-nazionali, difensori di un particolarismo lontano dalle loro pretese di universalità cosmopolita, che vendono come innovativa l’estensione dello Stato-nazione su scala più ampia”. È, infatti, il caso dell’Ue, che si è dotata delle caratteristiche di uno Stato nazionale: costituzione, bandiera e inno.

“Come formare una ‘comunità solidale’ se si basa su stati capitalisti?”, si chiedeva Wehr in un articolo pubblicato anni fa su Junge Welt. “L’Unione europea“, proseguiva, “fin dalla sua fondazione ha mirato a impedire qualsiasi tipo di politica anticapitalista ai suoi paesi membri. Da nessun’altra parte la democrazia è più debole: l’Ue non ha un vero parlamento, i governi decidono nel Consiglio europeo all’insegna della diplomazia segreta e sono quelli che raccomandano il presidente della Commissione europea. A livello europeo”, ha concluso, “non ci sono partiti o sindacati abbastanza forti, non c’è un linguaggio comune o un’opinione pubblica europea: ecco perché l’Ue è così amata da lobbisti e uomini d’affari in tutti gli Stati membri”.

La proposta di Podemos in Europa, a quanto pare, è quella di cambiare un mostro come il Leviatano con uno ancora più grande, come il Behemoth. Chiamiamolo disorientamento anziché ignoranza, per non pensare di peggio.

Di: