La democrazia americana vista dalla Cina


6 Dic , 2021|
| 2021 | Visioni

Convegno presso lo Human Rights Research Institute and School of Politics and Public Administration Northwest University of Political Science and Law (China).

Un importante convegno di politologici cinesi si è svolto venerdì scorso per discutere, da un punto di vista scientifico, lo stato di salute della democrazia americana. Uno sguardo cinese utile per vedere l’Occidente da una prospettiva diversa, per smetterla di ergersi a paladini della democrazia, del cosmopolitismo, dell’universalismo dei diritti umani (il proprio) e cercare, invece, di dare legittimità e voce a una pluralità di analisi e a diversi modi di intendere il concetto di democrazia. È sbagliato applicare meccanicamente categorie politiche astratte a contesti storico e culturali diversi. Si tende a criticare il sistema cinese utilizzando lenti concettuali occidentali, cerchiamo almeno di metterci in ascolto di quello che hanno da dire loro sull’Occidente. Ammettere l’esistenza di un pluriverso è il primo passo per una convivenza pacifica e la Cina vuole essere presente nel dibattito, alla pari degli altri Paesi, così come nei maggiori consessi internazionali e diplomatici in cui sono prese le decisioni a livello globale.

L’articolo si trova su Global Times: https://www.globaltimes.cn/page/202112/1240594.shtml

Qui una traduzione:

La democrazia negli Stati Uniti si trasforma in oligarchia, rimane la forma ma manca un ordine politico e di governo

“Il modello democratico e il percorso politico di un paese sono determinati dalla storia, dallo sviluppo economico e sociale del paese e non esiste un percorso democratico unico applicabile in tutto il mondo”, hanno affermato gli studiosi cinesi in un simposio tenuto venerdì, criticando gli Stati Uniti per aver utilizzato il concetto per i suoi interessi politici.

Gli accademici al simposio si sono trovati d’accordo sul fatto che la democrazia statunitense stia decadendo. Sono aumentate le prove che dimostrano come la “democrazia” se controllata da plutocrati, diventi il ​​gioco di pochissime élite e tenga in vita i suoi aspetti formali, ma non riesca a raggiungere una governance efficace e ordinata.  Tredici studiosi di varie università cinesi hanno parlato al simposio di venerdì scorso tenuto dall’Istituto di ricerca sui diritti umani e dalla Scuola di politica e amministrazione pubblica della Northwest University of Political Science and Law (NUPSL). Circa 100 accademici e studenti in discipline pertinenti hanno partecipato al simposio offline o tramite collegamento video. 

Yang Zongke, Presidente dell’Università e Direttore dell’istituto, ha detto nel suo discorso che lo standard della democrazia non deve solo essere conforme a un certo modello istituzionale, ma dovrebbe garantire che le persone siano i padroni del proprio paese.  Il professor Hou Xuehua della Facoltà di Politica e Amministrazione pubblica dell’Università ha confrontato due valori democratici e i sistemi corrispondenti: diretto e indiretto, che rappresentano rispettivamente la democrazia per la gente comune e le élite politiche. 

Ou Shujun della Renmin University of China ha affermato che la democrazia è una buona cosa, così come l’ordinamento giuridico. Per un’entità politica, la chiave per evitare il decadimento e mantenere l’ordine non è la forma della democrazia ma la sua qualità.  Diversi oratori principali al simposio hanno toccato i problemi che affliggono la società americana, tra cui la violenza armata dilagante, il razzismo e una governance sempre più polarizzata, caotica e debole. Un incidente iconico è l’attacco al Campidoglio nel gennaio 2021. 

Il professor Tong Dezhi dell’Università Normale di Tianjin ha sottolineato che il capitalismo occidentale in economia e la democrazia in politica è di natura contraddittoria e porta a situazioni difficili nella pratica. Il capitalismo enfatizza i diritti di proprietà e l’efficienza, mentre la democrazia richiede i diritti dei cittadini e l’uguaglianza. In questo senso, movimenti come Occupy Wall Street, Black Lives Matter sono inevitabili.  Wei Nanzhi, un ricercatore dell’Accademia cinese delle scienze sociali, ha affermato che il sistema politico degli Stati Uniti era repubblicano ed elitario quando la nazione è stata fondata e si è evoluto verso la democrazia di massa. Tuttavia la loro democrazia è stata ridotta al diritto di voto, che porta solo alla disuguaglianza economica, sociale e politica.

“La democrazia statunitense sta affrontando la crisi interna di legittimità causata dalla disfunzione del suo modello di democrazia rappresentativa, che si concentra sulla forma ed ignora gli effetti”, hanno affermato gli esperti.  Qian Jinyu, Vicedirettore esecutivo dell’Istituto di ricerca sui diritti umani presso la NUPSL, ha affermato che il sistema democratico cinese si basa sulla propria pratica. Il suo “intero processo di democrazia popolare” si allinea con una diversità di percorsi per realizzare la democrazia ed è un contributo cinese alla civiltà politica dell’umanità. Chang An, Direttore esecutivo dell’Istituto, ha sottolineato che il tema centrale del simposio è la qualità della democrazia. “Oltre alla forma della democrazia, dobbiamo prestare attenzione anche alla qualità della democrazia e all’efficacia dei sistemi democratici.  La democrazia occidentale è orientata al capitale ed è intrinsecamente imperfetta. L’oligarchia, l’oppressione razziale, i disastri dei diritti umani e l’egemonia in politica estera sono indesiderati in tutte le democrazie”, ha affermato Chang.

Di: