La Fionda è anche su Telegram.
Clicca qui per entrare e rimanere aggiornato.

Il trionfo della lobby europea degli armamenti


18 Mar , 2022|
| 2022 | Visioni

Ed ecco che la guerra russa contro l’Ucraina diventa l’occasione d’oro per il trionfo della lobby europea degli armamenti che da tempo cercare di farsi strada.

L’intensa lobbying dell’industria degli armamenti a Bruxelles

L’industria degli armamenti non ha atteso la guerra in Ucraina per scatenare la sua intensa lobbying a Bruxelles, alfine di dimostrare le virtù «sociali», «durature» o ancora «stabilizzatrici» delle attività della vendita di armi. Nei rapporti ufficiali dell’UE, questi elementi di linguaggio cominciano a imporsi (insieme alle pesanti scelte di finanziamento dell’invio di armi all’Ucraina così come per le attività criminali di Frontex).

Ma riprendiamo un articolo di Justine Brabant e Ludovic Lamant qui pubblicato: https://www.mediapart.fr/journal/international/170322/bruxelles-l-intense-lobbying-de-l-industrie-de-l-armement)

La guerra è pace. La distruzione è “stabilità”. Le armi hanno uno scopo sociale. L’argomento sembra assurdo. Tuttavia, dallo scoppio della guerra in Ucraina, trova un’eco senza precedenti. Perché per non privarsi delle nuove fonti di finanziamento disponibili a Bruxelles, i vertici dell’industria degli armamenti – o i lobbisti che li rappresentano – hanno deciso di invocare Orwell nel testo: insistono sulle virtù “sociali”, etiche”, “sostenibili ” o addirittura di “stabilizzare” le attività di vendita di armi.

“Questa drammatica situazione ci ricorda un semplice principio: senza stabilità e sicurezza non possono esserci prosperità, inclusività e sviluppo sostenibile, ha assicurato Patrice Caine, boss del gruppo di difesa Thales, in un’intervistaLe Figaro il 3 marzo. Tuttavia, sono le industrie della difesa che aiutano le democrazie a garantire la loro sovranità, sicurezza e stabilità”.

Da parte della lobby dell’industria della difesa tedesca, BDSV, la retorica è identica: “La guerra in Ucraina mostra quanto sia decisivo avere una forte difesa nazionale”, afferma Hans Christoph Atzpodien. Esorto l’UE a riconoscere l’industria della difesa come un contributo positivo alla “sostenibilità sociale”. Per il gruppo britannico Serco, la guerra in Ucraina illustra nientemeno che “i valori etici specifici dell’industria della difesa”.

Paura di diventare infrequentabili

Prima dell’invasione russa, parti dell’industria delle armi erano preoccupate. Ascoltandoli, trovavano sempre più difficile ottenere prestiti sui mercati per finanziare i propri investimenti. Sono state vittime, hanno spiegato, della crescente influenza dei cosiddetti criteri ESG (“environmental, social, governance”) considerati come orientatori dei flussi finanziari verso portafogli più “verdi”. A gennaio, le banche regionali tedesche hanno così interrotto i prestiti al gruppo di difesa Rheinmetall AG.

Di fronte allo spettro di una “messa all’armadio” (marginalizzazione) nei mercati, sul modello di ciò che ha vissuto la lobby dei tabacchi, divenuti infrequentabile, l’industria delle armi ha allora sviluppato la sua strategia comunicativa. Nel suo linguaggio, ora sottolinea la sua “sostenibilità sociale” e spera di beneficiare delle ricadute di un progetto poco conosciuto nell’UE, quello della “tassonomia sociale”. La guerra in Ucraina potrebbe rafforzare la sua strategia.

Di cosa si tratta? Dal 2019 la Commissione ha avviato lo sviluppo di una gigantesca classificazione per indirizzare il denaro, sui mercati, verso prodotti di “finanza sostenibile”. L’azienda deve partecipare allo sforzo collettivo per raggiungere la carbon neutrality entro il 2050. È diventata nota al grande pubblico a causa di una recente controversia: sotto la pressione di Parigi e Berlino, la Commissione ha accettato di etichettare gas e petrolio come energie “verdi”, suscitando forte critica alle sue pratiche di “greenwashing”.

Parallelamente a questa tassonomia ambientale, che sta prendendo forma sotto forma di una batteria di atti delegati prevista fino al 2023, gli esperti stanno lavorando allo sviluppo, a più lungo termine, di una “tassonomia sociale”. Stesso sistema: i settori di attività sono qui etichettati, in base al loro contributo – si può scegliere: sostanziale, neutro o dannoso – alla “sostenibilità sociale”, al fine di indirizzare meglio i flussi finanziari verso i cosiddetti investimenti sociali (tenendo conto di criteri quali come uguaglianza di genere, salario dignitoso, ecc.).

La scorsa estate abbiamo assistito a un’intensa attività di lobby da parte delle industrie della difesa, affinché l’industria degli armamenti fosse descritta come un “contributo sostanziale alla sostenibilità sociale”, spiega Thierry Philipponnat, a capo dell’ONG Finance Watch, che partecipa al gruppo di esperti della “Piattaforma europea per la finanza sostenibile”, responsabili dello svolgimento dei lavori preparatori. Per il momento “questa opzione non è stata mantenuta”, precisa.

Questo collettivo per la finanza sostenibile – il cui lavoro non impegna la Commissione, che può esserne ispirata, o calpestarla – ha pubblicato a febbraio rapporto intermedio. Per quanto riguarda le armi, raccomanda di escludere dalla classifica solo quelle vietate dalle convenzioni internazionali (bombe a grappolo, mine antiuomo, armi biologiche, ecc.). Una posizione che non chiude del tutto le porte all’industria della difesa, dunque.

A Bruxelles molte persone contattate da Mediapart non credono all’esito di questa “tassonomia sociale” tanto agognata dai produttori di armi. «La procedura durerà ancora più di tre anni, ben oltre l’attuale mandato [fino al 2024].

E l’appetito politico della Commissione su questo tema mi sembra prossimo allo zero”, anticipa Philipponnat. “Le attività legate alla difesa non hanno ricevuto un trattamento prioritario”, conferma la parte della Commissione.

Anche l’ecologista tedesca Hannah Neumann, specialista in questioni di armamento, rimane molto cauta. “Nessuno sa in questa fase se la tassonomia sociale vedrà la luce. Non credo che la Commissione si farà avanti finché le tensioni nucleari persisteranno, sostiene. Ma dal mio punto di vista, se facciamo una classifica per aiutare i consumatori a mettere i loro soldi nei social, non deve avvantaggiare l’industria delle armi… E ciò non significa che non dovrebbe non pensare al finanziamento di questa industria. “

“La guerra in Ucraina è chiaramente usata [dagli industriali] per portare avanti la loro agenda su questioni di accesso ai finanziamenti”, tuttavia ritiene Bram Vranken, attivista della ONG belga Vredesactie e buon conoscitore delle lobby della difesa – a cui ha dedicato un rapporto nel 2017.

Thierry Breton, il commissario preferito dei lobbisti.

Qualunque sia il risultato, il lobbying è a posto. Durante un incontro con un funzionario dell’Airbus a Madrid lo scorso settembre, a margine di un missione ufficiale, una delegazione di eurodeputati membri della sottocommissione “difesa” ha ricevuto, secondo una fonte del Parlamento europeo, un testo di due pagine scritto dalle principali lobby nazionali dell’industria della difesa europea (tra cui il francese CIDEF o il tedesco BDSV).

In questo documento a cui Mediapart ha avuto accesso, i lobbisti assicurano che “non può esserci sostenibilità senza sicurezza”. E raccomanda, di fronte alla “discriminazione” a cui sarebbe soggetta l’industria militare, che la Base Tecnologica e Industriale della Difesa Europea (EDTIB, in inglese) sia riconosciuta “come legittimo attore sostenibile” nella tassonomia dell’Unione Europea. Nathalie Loiseau (LREM -il partito di Macron), che dirige questa sottocommissione al Parlamento europeo, non ha risposto alle nostre domande.

In una nota pubblicata nell’ottobre 2021, ottenuta anche da Mediapart, l’Aerospace and Defense Industries Association of Europe (ASD), regolarmente descritta come uno dei più potenti gruppi di lobby nel campo degli armamenti, assicura che il settore «è molto consapevole la necessità di essere responsabili e sostenibili ed è pienamente impegnata nello sviluppo dei più elevati standard etici e legali”.

Preoccupata per un “crescente stigma” del settore, sostiene che, se una tassonomia sociale dovesse vedere la luce, dovrebbero essere escluse solo le armi proibite dai trattati internazionali – una posizione che è stata adottata nella fase del rapporto scritto dal Piattaforma Europea per la Finanza duratura.

Permettetemi di dirvi che siamo molto fieri e felici di potervi considerare come “nostro Commissario”.

Un rappresentante dell’ASD, importante lobby degli armamenti, rivolto a Thierry Breton

Per far sentire la loro causa, i produttori di armi sanno di poter contare su appoggi benevoli. Il commissario europeo per il Mercato interno Thierry Breton (responsabile, tra l’altro, del Fondo europeo per la difesa), ad esempio, non sembra sordo alle loro chiamate. Il 10 novembre 2021, invitato all’assemblea generale della potente ASD, ha auspicato “un accesso equo ai finanziamenti” per l’industria della difesa”.

Una settimana dopo, l’ASD gli ha inviato un’entusiastica lettera di ringraziamento, resa pubblica grazie al diritto di accesso ai documenti delle amministrazioni europee. “Grazie per aver ribadito il vostro forte impegno nei confronti dell’industria aerospaziale e della difesa”, ha scritto un rappresentante del gruppo industriale, aggiungendo: “Lascia che ti dica che siamo molto orgogliosi e felici di poterti considerare come il “nostro Commissario”. L’ASD conclude la sua lettera esprimendo il desiderio di poter nuovamente discutere con il commissario Breton di due temi cruciali agli occhi delle lobby: il Fondo europeo per la difesa ei famosi criteri cosiddetti ambientali, sociali e di governance (ESG).

Elementi di linguaggio (delle lobby) ripresi nei rapporti ufficiali

Effetti di queste fiorenti relazioni con alcuni funzionari europei? In ogni caso, gli elementi del linguaggio industriale (delle lobby) hanno cominciato a infiltrarsi nei rapporti prodotti dalle istituzioni Ue sulla difesa europea, una priorità della presidenza francese dell’Ue che durerà fino al prossimo giugno. Nella sua comunicazione sulla difesa europea pubblicata a metà febbraio (un testo senza valore giuridico, che ne fissa la posizione), l’esecutivo di Ursula von der Leyen (che era il ministro della Difesa di Angela Merkel) riprende l’idea di uno sviluppo “sostenibile di iniziative finanziarie” per aiutare il settore a trovare nuovi finanziamenti.

Da parte del Consiglio, i capi di Stato e di governo hanno convenuto, durante la riunione di Versailles, di mobilitare “tutti gli strumenti disponibili” a sostegno dell’industria, chiedendo un aumento della Facilità europea per la pace (Fondo europeo per la pace che in questa fase, vale già 500 milioni di euro, versati dall’UE agli Stati che ne fanno richiesta, per rimborsare parte delle consegne di armi effettuate in Ucraina).

Il documento finale, la “boussola strategica”, una sorta di “Libro bianco” che fisserà le principali linee guida per la sicurezza e la difesa europea fino al 2030, sarà svelato in un vertice il 24 e 25 marzo. Se dobbiamo credere alle ultime versioni del testo in corso, che Mediapart ha potuto consultare, l’espressione “iniziative sulla finanza sostenibile” si ripete in modo identico.

Accanto alla tassonomia dell’UE, un’altra iniziativa è oggetto di lobbying organizzato a Bruxelles, quella dell’“eco-label” per etichettare, ancora una volta, prodotti finanziari sostenibili. In un rapporto pubblicato a marzo 2021, il Centro comune di ricerca (JRC), che opera per conto della Commissione, propone di escludere dal sesamo verde qualsiasi azienda la cui quota di attività di produzione e vendita di cosiddette armi convenzionali superi il 5% di fatturato.

Il caso è stato oggetto di proteste da parte di diversi funzionari francesi. In un rapporto sulla politica annuale di difesa, scritta da Nathalie Loiseau e adottata a febbraio, il Parlamento europeo “invita la Commissione a garantire che l’etichetta ecologica europea […] tuteli la competitività dell’industria europea della difesa”. Appello “puramente scandaloso”, aveva reagito allora l’eurodeputato ambientalista Mounir Satouri: “Questo strumento è dedicato alla transizione ecologica e alla tutela della biodiversità. Non dovrebbe essere dirottato”.

Già agli incontri economici di Aix-en-Provence dell’estate 2021 il ministro delle Forze armate Florence Parly si era arrabbiato per questa soglia del 5%: «Dire che [le industrie degli armamenti] non dovrebbero essere finanziate dalle banche, in allo stesso modo delle attività pornografiche, è scioccante!” Anche l’industria della difesa ha potuto contare sullo zelante sostegno dell’Assemblea nazionale. In una risoluzione adottata a gennaio (tramite un voto espresso in due comitati specializzati), i funzionari eletti esortano la Commissione ad abbandonare questo progetto del 5%.

Di: