Marco Adorni


Marco Adorni, insegnante di Lettere, ha svolto attività di ricerca presso il Centro Studi Movimenti di Parma. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia e informatica presso l'Università di Bologna, con una tesi di storia urbana. Attivista nell'associazionismo culturale e politico, e membro dell'Associazione mazziniana italiana, ha pubblicato diversi saggi di storia del lavoro, storia sociale, urbana e territoriale, tra cui Voci di vetro (Punto rosso, 2010), L’ateneo parmense tra l’Unità e gli anni Sessanta del Novecento (Clueb, 2005), Un’autostrada per l’Appennino (Bup, 2006), La difesa di Sisifo (Ediesse, 2014). Con Michele Guareschi ha pubblicato il saggio Il capitalismo del futuro anteriore. Il caso Parma (in M. Severo, Sconvocati, Fedelo’s, 2012). È tra gli autori del video-documentario L’ordine della follia (2009) e co-curatore di Prigionieri del fuori. Ordine neoliberale e migrazioni (Bfs, 2018).


Ultimi articoli

Un libro necessario. I confini contano di Frank Furedi

Ci sono libri che ti costringono a prendere una parte, che non ammettono vie di mezzo. Si tratta di opere d’intelletto che, anche quando non sono direttamente politiche, incorporano una […]

Che cosa vogliamo dal nostro 9 febbraio? In commemorazione della Repubblica Romana

Nel 1943 Leone Ginzburg scrisse dal confino che l’«Italia in cui viviamo e operiamo non è pensabile senza il Risorgimento», il quale «manifestò assai presto un’originalità di tratti che lo […]

Politica estera e identità nazionale. L’Italia tra Europa e Mediterraneo

Il 1° settembre 2020, la Marina del generale Khalifa Haftar fermava i due pescherecci Antartide e Medinea con l’accusa di aver sconfinato nella Zee (Zona economica esclusiva) della Libia. Le […]

Per un 25 aprile di riflessione, ostinata e contraria

24 Apr , 2020|
|Visioni

La quarantena ci consegna un 25 aprile anomalo: siamo costretti a celebrarlo rimanendo nelle nostre case per gli effetti di un «virus globalista», come Geminello Preterossi ha brillantemente definito il […]