Angelo Balocchi


Angelo Balocchi

Mi chiamo Angelo Balocchi, sono nato a San Secondo Parmense, solamente perché a Roccabianca, il paese in cui vivo da sempre (e che da sempre vive in me), non c’era il reparto maternità. Ma se è per quello, nemmeno l’intero ospedale. Alla scrittura, ci sono arrivato come tutti, leggendo molto. Però stranamente, la mia passione piena per le parole inchiostrate è maturata soprattutto attraverso l’architettura (ho una laurea in qualche cassetto, presa al Politecnico di Milano). Credo che scrivere e creare spazi per la vita, siano attività molto affini. Certo, una casa che crolla fa molto danno, ma anche uno scritto mal fatto non scherza. In entrambi i casi, è questione di pesi e contrappesi, di forze della bellezza in gioco, da nobilitare infondendo il senso dell'umano. Il motivo fondamentale per cui scrivo alla fine si riassume in un unico punto: un mondo solo non mi basta.


Ultimi articoli

Follia ed Eros e civiltà: un inatteso accostamento

L’intensa storia raccontata da Patrick McGrath si posa su di una remotissima verità, forse antica come il mondo, ma che non manca mai di rinnovarsi nell’animo, riservando ancora e ancora, […]

Il tallone di ferro

Ho letto “Il tallone di ferro” (1908) di Jack London. Romanzo che trabocca di energia vitalistica e passione sociale, tuttora attualissimo nelle tematiche, pur col centinaio e passa di anni […]

La colpa e l’uva

19 Apr , 2020|
|Voci

Una volta mi preoccupavo per i sensi di colpa. Mi creavano un grosso disagio. Quando ne provavo uno, ci stavo parecchio male. Poi ho scoperto il segreto: non si deve […]