Geminello Preterossi


Geminello Preterossi

Geminello Preterossi insegna Filosofia del Diritto e Storia delle Dottrine politiche presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università degli Studi di Salerno. Si è formato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha conseguito sia la laurea che il perfezionamento (equipollente al dottorato di ricerca). Si è occupato di filosofia classica tedesca, di dottrina dello Stato e della Costituzione tra Ottocento e Novecento (in particolare della cultura politico-giuridica weimariana), di teorie del potere e dell'età dei diritti. É direttore di studi dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Nell’Ateneo salernitano, è Coordinatore del Dottorato in Scienze giuridiche e Responsabile del Laboratorio Kelsen. Coordina inoltre l’unità di ricerca di Salerno del PRIN 2015, dedicato al tema “Soggetto di diritto e vulnerabilità: modelli istituzionali e concetti giuridici in trasformazione”. È consulente scientifico della casa editrice Laterza.


Ultimi articoli

Il grado zero della politica

Lo Stato-nazione è il luogo dove nasce la democrazia rappresentativa moderna (con molte contraddizioni e grazie a dure lotte per rendere effettiva l’uguaglianza). Se si tiene alla democrazia e al […]

Sacro e salute

L’ossessione attuale della tutela della salute non è solo una giusta difesa del diritto alla salute. C’è qualcosa di più: la disperata ricerca di qualcosa da sacralizzare; in assenza di […]

L’attualità della lezione civile di Rodotà

Rodotà aveva una concezione esigente di democrazia: pur essendo consapevole dell’esistenza di vincoli realistici e dell’impossibilità di superare integralmente lo scarto tra ideale e reale, pensava che la spinta emancipativa […]

Serve un’alternativa

Da più parti, si sottolineano gli errori e i limiti strategici dell’attuale governo e della classe dirigente che esprime. I motivi di critica non mancano. Ma il tono complessivo appare​ […]

L’università come comunità reale

Il DPCM del 4 marzo 2020 ha disposto la chiusura delle università su tutto il territorio nazionale. Dapprima prevista fino al 18 marzo, la chiusura si è protratta senza soluzione […]

Tagliare la democrazia?

Dopo più di due mesi di quarantena, si può dire che il timore che avevo manifestato all’inizio – cioè che un’emergenza reale, dalle cause e implicazioni innanzitutto politiche e sociali […]

Da emergenza sanitaria a stato di eccezione politico?

L’attitudine critica non può essere quella di negare o relativizzare il problema coronavirus, ma di denunciare abusi, irrazionalità, eccessi, logiche e rischi “di fondo”. Bisognerà, poi, subito riorganizzarsi socialmente e […]

Sardinismo regressivo

Evviva! Abbiamo il nuovo Keynes: è Mattia Santori, tolto dalla naftalina dall’informazione mainstream per tornare ad inebetire i progressisti neoliberali, scossi di fronte all’urto rivelatore del coronavirus e al fallimento […]

Perchè la fionda?

Perché è lo strumento di chi si ribella all’oppressione.  Di chi non può contare su grandi risorse materiali né gode di protettorati mainstream, ma mira dritto perché ha il coraggio […]