Salvatore Palidda


Salvatore Palidda

Nato in Sicilia (madre insegnante a padre commerciante -emigrato negli Stati Uniti e cittadino statunitense),ho vissuto in Francia dal 1978 al 1992 dove ho compiuto gli studi universitari sino al dottorato e iniziato la mia carriera accademica presso l'Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e come ricercatore stranieroassociato al CNRS francese. Sono rientrato in Italia nel 1992 prima all'European University Institut, poi aMilano e infine a Genova come professore di sociologia generale, sociologia della devianza e del controllo sociale/delle polizie e sociologia delle migrazioni. I miei principali campi di studio, ricerca e di attività di consulenza e formazione -seguendo un prospettiva multidisciplinare- sono "military and police affairs",migrazioni, devianza e criminalitˆ (inclusi mafie, economie sommerse, criminalitˆ economica) e le conseguenze dell'ultima "grande trasformazione" (la fine della società industriale e i processi di destrutturazione economica,sociale, culturale e politica) su scala locale e globale, e infine (dal 2010) in particolare riguardo ai rischi sanitari-ambientali ed economici. Ho pubblicato oltre 70 libri e articoli scientifici in inglese, francese e spagnolo e oltre 80 in italiano.


Ultimi articoli

Altro che destra moderata: Macron lancia la guerra dell’integrismo pseudo-laico contro il “separatismo islamista” che tenterebbe un colpo di stato

Come primo argomento della ripresa dell’agenda politica nazionale, Macron ha scelto -a sorpresa di tutti- il lancio della filippica contro quello che lui chiama “separatismo islamista” e che di fatto […]

Alle radici dell’aumento della brutalità razzista delle polizie

N.d.R.: pubblicato in francese qui: https://blogs.mediapart.fr/salvatore-palidda/blog/090620/lescalade-de-la-brutalite-raciste-des-forces-de-police Da oltre due decenni si assiste a una continua riproduzione di violenze razziste e persino assassinii da parte di agenti delle polizie[i]. Non è […]

Pandemia: un disastro che s’aggiunge a quelli ignorati dai poteri neoliberisti

In tutti i paesi, la gestione della pandemia ha seguito la consueta pratica di gestire i perpetui disastri sanitari e ambientali: lasciare vivere (biopolitica) e lasciar morire (tanatopolitica). Le morti […]