Cristina Quintavalla


Docente di storia e filosofia, ora in congedo, ho svolto il mio ruolo come ricercatrice di un sapere critico, includente, coscientizzante. Dalla Teologia della liberazione, al marxismo ed ai suoi relativi sviluppi, alle nuove frontiere della decolonialità, il mio percorso di studi è stato quello di una intellettuale militante, impegnata nella sinistra radicale e nella decostruzione delle narrative dominanti. Sono attivista di CADTM Italia e international.


Ultimi articoli

Il lavoro offeso e la lotta per la dignità

L’esercito francese aveva subito la più cocente delle sconfitte: l’imperatore Napoleone III era stato catturato, l’esercito prussiano era giunto sino a Parigi e aveva imposto una resa disonorevole alla Francia […]

Draghi e la pace sociale sono le loro “necessita’”

Nei toni tra il blu e il grigio, rivestito e reso presentabile da grandi sartorie e griffes, l’esercito confindustriale marcia unito e fa quadrato attorno al governo Draghi. “Noi imprese […]

Gli operai si organizzano in partito. A cento anni dalla nascita del PCd’I

“Gli operai della Fiat sono ritornati al lavoro. Tradimento? Rinnegamento delle idealità rivoluzionarie? Gli operai della Fiat sono uomini in carne ed ossa. Hanno resistito per un mese. Sapevano di […]

La corte dell’eurocrate dai guanti di velluto

Ancor prima che Draghi iniziasse le consultazioni, il giornale di Confindustria poneva la vera questione di fondo: riscrivere il Recovery plan e attuare le riforme strutturali, lavoro, pensioni, pubblica amministrazione, […]

Il totalitarismo confindustriale

Il coraggio del futuro. Italia 2030-2050 [i], il volume che Confindustria ha pubblicato in occasione della sua Assemblea annuale del 29 settembre, avrebbe la pretesa di “ridisegnare il futuro del […]

Rivolte senza direzione di marcia

Le piazze di questi giorni, pur con tutte le contraddizioni già rilevate da molti, sono una impietosa cartina di tornasole della bruciante sconfitta della sinistra nel nostro paese, ma anche […]